Un fondo schiena scolpito

Scritto il 09/11/2015
da foxy

Le macromolecole per un fondo schiena scolpito

Basta con la donna magra e senza forme: il modello di bellezza femminile oggi è più morbido e rotondo. Che fare per esibire glutei pieni, tonici e scolpiti?

Non bisogna dimenticare che i glutei sono fatti di muscoli, quindi il primo consiglio per tonificarlo e potenziarlo è una dieta appropriata che sviluppi la massa magra a discapito di quella grassa soprattutto nella parte inferiore del corpo.

Eseguire tanta ginnastica è importante, soprattutto con esercizi alle macchine (per sviluppare la massa muscolare) e attività di lunga durata che brucino i grassi (jogging, marcia, biking, nuoto ecc.), da ripetere almeno

3 volte alla settimana. Poi ci sono creme rassodanti, ottime alleate soprattutto per il miglioramento della texture della pelle, che da sole però non offrono un rimodellamento evidente e duraturo, soprattutto se i glutei sono poco pronunciati o poco tonici, magari per colpa dell’età.

In questo caso meglio far ricorso alla medicina estetica che garantisce ottimi risultati, visibili e duraturi.

Ad esempio ricorrendo al lipofilling (o trapianto di grasso), un intervento rimodellante che consiste nell’aspirare tessuto adiposo da un’altra parte del corpo dove ve ne sia in abbondanza, per poi re-impiantarlo per dare maggiore definizione e riempire dove serve.

Il trapianto di grasso ha quasi del tutto rimpiazzato l’innesto di protesi al silicone, oggi sempre meno praticato a causa del post-operatorio disagevole e dai risultati non prevedibili.

Il lipofilling è un intervento chirurgico a tutti gli effetti e si esegue in sala operatoria con una percentuale di attecchimento che va dal 50% al’80% secondo i casi. Talvolta risulta impraticabile, specie quando il soggetto è magro, per la difficoltà di reperire quantità di tessuto adiposo da impiegare. Le zone da trattare, ad esempio i glutei, hanno bisogno di una notevole quantità di grasso per essere riempiti in modo evidente, se non si desidera affrontare un intervento chirurgico.

Un’alternativa è rappresentata dalle macromolecole (più adatte al ripristino di volumi importanti) dell’acido ialuronico NASHA (stabilizzato non animale) utilizzato ormai da più di vent’anni in altre 20 milioni di trattamenti nel mondo per il ringiovanimento e il rimodellamento del viso. Una sostanza molto simile all’acido ialuronico naturale che è già presente nel corpo umano, sicura e praticamente senza controindicazioni.

La seduta per rimodellare i glutei con questa tecnica è piuttosto semplice, non richiede sedazione, né ricovero, né convalescenza. L’intervento è minimamente invasivo e consente di rimodellare la forma dei glutei, arrotondando la parte superiore che evidenzia lo “stacco” dalla schiena, con un risultato naturalissimo. Viene iniettato con una piccola canula a punta smussa, simile al un grosso ago, al di sopra del muscolo gluteo dopo una semplice anestesia locale. La canula permette di raggiungere i piani desiderati senza danneggiare i tessuti circostanti, una leggera medicazione e un cerotto completano la seduta.

Gli effetti post-trattamento sono solo una modesta sensazione di tensione, un live bruciore e la comparsa, talvolta di qualche livido. Lo stesso “forellino” di ingresso della canula è praticamente invisibile in quanto viene eseguito nell’area che resta normalmente nascosta. Dopo l’intervento si possono riprendere le abituali attività quotidiane. L’unico svantaggio è che non è definitivo, proprio perché si tratta di un materiale bio-compatibile e con il tempo verrà metabolizzato e riassorbito dall’organismo.

Ma ci sono anche aspetti positivi: il trattamento permette di raggiungere il risultato in modo progressivo, sia per mantenere nel tempo il risultato raggiunto, sia per ottenere un risultato più evidente.

Oltre ai glutei, l’acido ialuronico a macromolecole è una soluzione ideale per plasmare senza bisturi e in modo naturale tutti i profili del corpo. Può correggere anche altre parti del corpo o piccoli inestetismi della pelle o ancora cicatrici depresse.

L'articolo Un fondo schiena scolpito proviene da MED.